Carciofi di Sant'Erasmo fritti

I Carciofi di Sant’Erasmo fritti sono un modo classico di consumare quelle che da noi chiamiamo le castraure, cioè i boccioli dei carciofi violetti di Sant’Erasmo, tipici della zona di Venezia. Questi piccoli carciofi sono una prelibatezza difficile da trovare, talmente belli e teneri che si potrebbero mangiare anche crudi, se ben puliti.  Come dicevo, non sono semplici da reperire, quindi potete seguire lo stesso procedimento anche con i carciofi normali, ripulendoli il più possibile dalle foglie esterne, troppo dure.

Veloci e super golosi, i carciofi fritti sono un contorno robusto o uno sfizioso antipasto.

Carciofi di Sant'Erasmo fritti

Carciofi di Sant'Erasmo fritti

0 da 0 voti
Preparazione 15 min
Cottura 10 min
Tempo totale 25 min
Portata Contorno
Cucina Italiana
Porzioni 4

Ingredienti
  

  • 12 carciofi di Sant'Erasmo o 8 normali
  • 2 uova
  • farina q.b.
  • sale q.b.
  • Olio di semi di mais per friggere.

Preparazione
 

  • Preparate una capiente ciotola di acqua fredda acidulata con il succo di un limone, dove immergere i carciofi tagliati.
  • Se usate i carciofi piccoli, ripuliteli dalle foglie esterne, eliminate quasi completamente il gambo, poi tagliate il carciofo in quattro spicchi e metteteli nell'acqua acidulata. Se usate i carciofi normali, tagliateli in 6 spicchi.
  • Sbattete le uova con abbondante sale, e immergetevi gli spicchi di carciofo asciugati dall'acqua.
  • Passate ora gli spicchi bagnati di uovo in una ciotola contenente la farina. Rigirateli bene con le mani, con delicatezza, finchè non sono ben infarinati.
  • Portate in temperatura l'olio in una pentola capiente o nella friggitrice, eliminate la farina in eccesso dai carciofi scuotendoli delicatamente in un setaccio o un colino, poi friggeteli fino a doratura.
  • Servite i Carciofi di Sant'Erasmo fritti caldissimi e salati appena prima di metterli in tavola.

 

2 Commenti

  1. Amo i carciofi e li mangio in tutti modi, soprattutto crudi conditi con olio, limone, sale e bottarga. Fritti non li ho ancora provati ma colmerò presto questa lacuna.
    Un saluto

LASCIA UN COMMENTO

Se la ricetta ti è piaciuta, dai un voto!




Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.